Category “Articoli di giornale”

IL GRANDE FIUTO POLITICO DEI GRUPPI E SITI PRO FAMILY E PRO LIFE PER IL NO : UN’ULTRA GENDER AL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE

Convinti che con la vittoria dei NO si sarebbe sconfitto “il governo più laicista possibile”, come è stato testualmente definito, ed incapaci di comprendere , come da noi sostenuto in molteplici interventi anche scritti in questi mesi , che una comunità non rappresentata in parlamento come quella cattolica doveva votare a favore di una riforma costituzionale che potenziava gli istituti di democrazia diretta , a partire dal referendum abrogativo , unico mezzo alternativo al parlamento stesso per incidere sul processo legislativo , i gruppi e siti ( diligenti nel censurare le nostre posizioni , secondo una condotta forse emulativa del loro idolo Putin ) pro family e pro life oggi scoprono che non solo Renzi sostanzialmente non è stato mandato a casa con quel successo (Gentiloni è il suo braccio destro da anni ) , ma che il nuovo governo è ancor più laicista del precedente (stante la nomina della ultrà gender Valeria Fedeli al ministero dell’istruzione), che la loro meravigliosa costituzione (a cui si sono morbosamente avvinghiati come l’Anpi) non li tutela affatto , il tutto in attesa che la morte dei valori cattolici venga completata dall’ascesa al potere dei 5 Stelle , per i quali questi geni di strategia politica hanno lavorato con una campagna contrassegnata da una serie impareggiabile di falsità e di inesattezze giuridiche .

Quando cesseranno di rivendicare una vittoria nel referendum costituzionale del 4-12 e si renderanno conto di aver perso ?

Adesso le leggi laiciste come le abrogano, fermi restando i quorum alti referendari che hanno difeso , tramite i loro partner politici altrettanto laicisti che ospitano da anni fuoriusciti del partito radicale?

E alle tanto agognate elezioni politiche sono convinti di ottenere la maggioranza assoluta e in quale coalizione ?

La storia già nell’immediato ci sta dando ragione , anche se non c’è nulla di cui entusiasmarsi .

Non è sufficiente portare in piazza 1-2 milioni di persone , grazie al decisivo apporto dei neocatecumenali peraltro , occorre anche saperli condurre con un sufficiente grado di conoscenza del diritto e della situazione parlamentare , tanto laicisticamente disastrosa da escludere ogni miglioramento del quadro legislativo e ogni freno ad una deriva irreversibile nelle due camere , quindi nell’unica sede alternativa a quella referendaria.

Avv. Pietro Guerini – Presidente nazionale Comitato NO194 e omonima associazione

( no194.org )

http://www.corriere.it/scuola/universita/16_dicembre_12/valeria-fedeli-nuovo-ministro-dell-istruzione-120a3da0-c076-11e6-84a3-703e0bacaa0c.shtml

Comments off

REFERENDUM COSTITUZIONALE : I GRUPPI E SITI PRO FAMILY E PRO LIFE ( TRANNE IL COMITATO NO194 ) ESULTANO PER IL TRIONFO DELLA SINISTRA RADICALE ULTRALAICISTA A CUI HANNO CONTRIBUITO

Con la vittoria dei NO si determina un oggettivo spostamento dell’asse politico nazionale verso sinistra sotto un duplice profilo : rafforzamento all’interno del Pd della componente ex Pci-Pds-Ds bersaniana rispetto a quella della ex sinistra democristiana renziana e centralità del Movimento 5 Stelle , molto probabile vincitore delle prossime elezioni contro un Pd indebolito e un centro-destra (comunque laicista) in crisi di identità e diviso dalla pregiudiziale “anti-lepenista” berlusconiana , applicata alle ultime elezioni amministrative a Roma e, dopo il voto, dal fiduciario Parisi , premiato con un incarico a livello nazionale per la sconfitta subita alle elezioni comunali milanesi.

Le conseguenze di questo spostamento sulle tematiche di interesse cattolico sono chiare a chi conosce la politica e le cronache parlamentari, altri ne prenderanno atto con la bocca aperta e la lingua a penzoloni nel prossimo futuro : matrimoni e diritto di adozione per le persone dello stesso sesso , legalizzazione dell’eutanasia , abolizione dell’ora di religione e forse dell’obiezione di coscienza , altro che legge Cirinnà corretta con lo stralcio della step child adoption.

Sono orgoglioso di aver preservato il nostro Comitato dalla pesante responsabilità morale che incombe su chi , nella nostra area , ha svolto in questi mesi con una caparbietà ed una passione degne di miglior causa una suicida ( per quanto in concreto irrilevante, visto il divario di voti ) campagna per il NO , il cui successo ha prodotto gli effetti ed i vincitori di cui sopra , senza cogliere i vantaggi per la comunità cattolica che sarebbero derivati dal potenziamento degli istituti di democrazia diretta ( tra i quali il referendum abrogativo ) conseguente ad una vittoria dei SI per la quale mi sono battuto.

Avv. Pietro Guerini – Presidente nazionale Comitato NO194 e omonima associazione

( no194.org )

 

Comments off

IL CORTEO DEL COMITATO NO194 DEL 11-4-15: DALLA BATTAGLIA FONDAMENTALE PER LA NOSTRA CIVILTA’ UN INVITO AI CATTOLICI A REAGIRE AL LORO STERMINIO CULTURALE

Si è svolto sabato 11-4-15 a Milano e Caserta il nostro terzo corteo nazionale, finalizzato a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla nostra iniziativa referendaria per l’abrogazione della legge 194, a cui si può aderire tramite il sito www.no194.org .

Il discorso introduttivo dell’evento milanese è riportato nel seguente link:

https://www.youtube.com/watch?v=uRl9LozTCO0&app=desktop

La cronaca della manifestazione campana è riferita nell’articolo sottostante:

http://www.caserta24ore.it/11042015/caserta-al-corteo-per-la-vita-contro-laborto-il-vescovo-mons-angelo-spinillo/#more-48181

Il corteo era aperto a coloro che condividono tre concetti di fondo: che l’aborto è la soppressione di un individuo e non di un grumo di cellule, che l’interruzione volontaria di gravidanza non deve essere legalizzata e che l’abrogazione della legge abortista 194 può avvenire solo per via referendaria.

Sul secondo e terzo passaggio sorgono tutte le divisioni del pro life italiano, divisioni che si fondano su differenze molto nette e sostanziali e non su dettagli secondari e trascurabili, come non riescono a comprendere tutti coloro che straparlano di praticabile unità del pro life nazionale, al limite solo fittiziamente configurabile sotto forma di comune presenza in manifestazioni demagogiche, generiche e prive di obiettivi concreti, nelle quali non a caso sono del tutto assenti contestazioni.

Se volete avere un esempio di una persona che non potrebbe mai aderire al comitato no194 per carenza del terzo requisito, leggete il seguente articolo scritto da un pro life sul nostro corteo , per il quale l’istituto del referendum non esiste , ma solo il parlamento, e che partendo da questo incredibile presupposto fa pure il professorino : http://www.lanuovabq.it/it/articoli-aborto-e-kill-pill-tra-testimonianze-e-nuovi-paradossi-12351.htm .

Non siamo generosi senza cervello, è vero siamo generosi ma il cervello lo usiamo meglio e più di altri.

L’indicato fine, la divulgazione della nostra iniziativa, è stato pienamente raggiunto, come dimostrano le decine (personalmente ne ho isolati una cinquantina) di articoli sull’evento pubblicati sul web da tutti i siti, anche di quotidiani prestigiosi, si vedano tra i tantissimi:

http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/15_aprile_11/cordusio-tensione-sentinelli-no-194-sfiorato-scontro-60d9c146-e06f-11e4-b0b6-cf60ff032a1c.shtm

http://milano.repubblica.it/cronaca/2015/04/11/news/milano_momenti_di_tensione_per_il_doppio_corteo_pro_e_contro_l_aborto_la_polizia_impedisce_il_contatto-111710523/

http://www.ilgiorno.it/milano/corteo-no-aborto-1.842275

A dimostrazione del fatto che non fosse la nostra una manifestazione demagogica e insignificante, abbiamo avuto eterogenee contestazioni, alcune comprensibili, altre meno, sotto documentate:

http://www.mi-lorenteggio.com/news/36020

Erano certamente comprensibili le manifestazioni contrarie di coloro che si riconoscono esplicitamente in una tradizione comunista (a partire da Rifondazione, ma non solo), se è vero che il primo paese nel quale l’aborto volontario è stato legalizzato è l’Unione Sovietica nel 1921, manifestazioni del resto ufficialmente preannunciate, come si può notare sotto:

http://www.rifondazionemilano.org/nws/mobilitazione-in-difesa-della-legge-194/

http://proletaricomunisti.blogspot.it/2015/04/pc-12-aprile-contro-la-marcia-dei-no.html

Una presenza estesa a coloro che sono nati dal vecchio Pci, anche se oggi governano il paese applicando princìpi berlusconiani, per quanto una parte consistente dei propri elettori non ne sia consapevole:

http://www.radiolombardia.it/rl/news.do?id=58045

Assai meno comprensibili sul piano razionale le proteste di organizzazioni vicine agli ambienti omosessuali, si veda:

https://www.facebook.com/events/1514539142127374

Infatti se un omosessuale ed una lesbica sono veramente tali non possono fare o far fare dei figli, quindi non possono essere protagonisti di un evento abortivo.

Queste prese di posizione rischiano, con effetti presumo controproducenti per gli interessati, di avvalorare la tesi secondo cui costoro semplicemente detestano i bambini, come forse si potrebbe desumere dal loro impegno diretto ad indottrinarli con programmi scolastici “ad hoc” fin dalla più tenera età per convincerli che ciascuno può scegliere “ad libitum” i suoi orientamenti, in spregio alle proprie tendenze fisiologiche, che dovrebbero viceversa essere rispettate, in quanto innate.

A prescindere da ciò, a mio avviso, fermo restando il rigetto di ogni forma di violenza, se non riconducibile alla legittima difesa, riconosciuta per legge a tutti, queste contestazioni vanno affrontate guardando in faccia i loro autori e non rimanendo silenti, immobili, con la testa bassa e inverosimilmente concentrati su altro anche a fronte di insulti, sputi e aggressioni.

Noi non dobbiamo vergognarci di nulla poiché esercitiamo il diritto di manifestare le nostre opinioni, che, per giunta e nel merito, sono dirette ad affermare l’ulteriore diritto di nascere, basilare per la Vita di ciascuno.

Se continueremo ad annullarci, anche con deboli ed intimoriti atteggiamenti, di fronte alle nostre aggressive controparti subiremo uno sterminio culturale e legislativo ben peggiore rispetto a quello fisico che i cristiani stanno pagando per la loro fede in alcune parti del pianeta, in quanto non frutto di una soccombenza locale ed occasionale, ma progressiva, irreversibile e generalizzata.

Coloro che condividono la nostra battaglia per la difesa della Vita nascente, abrogazionista e referendaria, si uniscano a noi orgogliosi delle proprie idee in occasione delle nostre prossime manifestazioni, a partire dalle 9 ore regionali di preghiera all’esterno degli ospedali indicati sul sito il primo sabato dei mesi dispari, dalla 9 ore nazionale del 13-6-2015 , ore 9-18 , di fronte all’ospedale Maggiore di Bologna e in vista dei prossimi cortei di Milano e Caserta del 10-10-2015 , ore 15 , con partenza sempre e rispettivamente da piazzale Cadorna e piazza Vanvitelli .

Ogni partecipante sarà considerato uno di noi, essendo vani e degni di ilarità tutti i tentativi di indurci a rinnegare parte dei nostri sostenitori con argomentazioni non riconducibili al loro comportamento, poiché per il nostro comitato la lealtà e la riconoscenza sono due valori intangibili.

 

Avv. Pietro Guerini – Presidente nazionale comitato NO194 e omonima associazione

Comments off

LA SECCA BOCCIATURA DI “ UNO DI NOI “ : QUANDO ESSERE STATI FACILI PROFETI NON SUSCITA ALCUN ENTUSIASMO

La parte più arretrata e disinformata del mondo cattolico e pro life vive dopo decenni ancora nel mito di una storica ( e in origine sicuramente valida ) organizzazione di area come il Movimento per la Vita .

Ciò si traduce nel ritenere che ogni iniziativa debba avere il placet del Mpv , dei suoi vertici se non addirittura della totalità dei suoi aderenti .

A nulla vale ricordare a costoro che esso :

-da oltre trent’anni non è più abrogazionista ;

-ha un numero di iscritti nettamente inferiore al nostro ( oltre 20 000 , riuniti nella condivisione di un manifesto estremamente particolareggiato e concreto , che vincola tutti a partire dal sottoscritto , il che preclude correnti e contrasti , quanto meno tra persone costruttive e in grado di leggere un manifesto , quindi di leggere ) ;

-ha dimostrato in buona parte dei suoi vertici un atteggiamento antagonista se non aggressivo nei nostri confronti .

I più sprovveduti a livello di conoscenze logico-matematiche non comprendono , in ogni caso , che , essendo gli iscritti alle organizzazioni pro life nazionali non più di 25 000 e i partecipanti alle manifestazioni di area ( anche accettando le quantificazioni propagandistiche degli organizzatori e dei loro corifei ) non iscritti non più numerosi , i pro life italiani in senso latissimo sono 1/1000 dei votanti in un referendum ( il 40% almeno dei quali nostri aderenti ) .

Va , pertanto , ben tenuta presente la marginalità di questo settore di opinione pubblica , tanto più perché è quello che meglio ci conosce e che ha quasi nella sua totalità fatto una sua scelta a favore ( e tra di essi parecchi sono interni al Mpv ) o contro la nostra iniziativa referendaria , scelta fondata sulla condivisione o meno dell’abrogazionismo , il che assorbe e supera qualsiasi senso di appartenenza .

Chi è abrogazionista non può non aderire per eventuali contrasti tra il nostro comitato e la forza non abrogazionista alla quale aderisce , evidentemente non a caso , perché la condivisione di un ideale precede e giustifica l’adesione ad un movimento .

Ciò premesso , ricordo che nei giorni scorsi la Commissione europea ha bocciato l’iniziativa “ Uno di noi “ , lanciata dal Mpv e altri suoi alleati ultramoderati italiani ed europei nel maggio 2012 per porre fine alle attività ( quali ricerca , aiuto allo sviluppo e sanità pubblica ) che presuppongono la distruzione di embrioni umani , azione ufficiosamente e surrettiziamente presentata come diretta ad escludere il diritto di aborto al più alto livello continentale .

Nelle sua motivazioni la Commissione ha precisato che non presenterà una proposta legislativa basata sul contenuto di “ Uno di noi “ poiché le politiche adottate dagli Stati membri e dal Parlamento europeo sarebbero appropriate .

Una decisione del tutto scontata .

Scrivevo sul nostro sito www.no194.org già nel gennaio 2012 ( si veda il nostro archivio ) : “La rassegnazione si traduce anche nella diversificazione del proprio impegno in battaglie simboliche e purtroppo del tutto inutili , come quella generica per i diritti del concepito , totalmente ininfluente sul contrario diritto di interrompere volontariamente la gravidanza , per giunta combattuta in un ambito ultralaicizzato come quello europeo , “ ad abundantiam “ presso organismi giuridicamente incompetenti a decidere sulla legalizzazione dell’aborto”.

Precisavo ulteriormente nell’aprile 2012 : “Essa è totalmente ininfluente sul contrario diritto di interrompere volontariamente la gravidanza , se è vero che l’art. 462 c.c. , entrato in vigore nel 1942 , riconosce già la capacità di succedere al concepito che nasca nei 300 giorni successivi al decesso del marito della madre, ma ciò non ha impedito l’entrata in vigore 36 anni dopo della 194. Non solo , ma tale battaglia viene combattuta in un ambito ultralaicizzato come quello europeo , il che rende patetiche certe lezioncine vagamente sociologiche su come la società italiana sarebbe inadeguata a recepire un’iniziativa come la nostra , quando il nostro paese rimane uno dei 4-5 più cattolici ( quelli presso cui , di regola , sono in vigore le discipline più restrittive del fenomeno abortivo ) del continente .Da cui lo scontato rigetto dell’istanza da parte della Commissione europea , epilogo naturale delle petizioni , effimere e strumentali per definizione , a differenza del referendum abrogativo , mezzo attraverso il quale il popolo esercita in modo dirompente , efficace ed autosufficiente il proprio potere di democrazia diretta .Infine , sul piano tecnico , come ribadito anche di recente dalla Corte di Giustizia , gli unici organismi giuridicamente competenti a decidere sulla legalizzazione dell’aborto sono riconducibili agli stati nazionali e non risiedono presso le istituzioni comunitarie” .

Qualcuno mi ricordò come ai vertici del Mpv ci fossero 4 giuristi su 5 membri , l’intelligentone di turno scrisse che la battaglia pro life non doveva considerarsi una gara a chi fosse più bravo .

Per carità , nessuna competizione , ci mancherebbe , e , soprattutto , nessuna soddisfazione , i nostri avversari sono gli abortisti duri e puri , non quelli più sofisticati , soprattutto se hanno avuto il merito per primi di aver organizzato un referendum abrogativo della 194 .

Ma forse qualche mito sarebbe opportuno che venisse superato e che si escludesse la necessità che l’iniziativa referendaria , una volta intrapresa dal nostro comitato , debba ricevere il preventivo nulla-osta di altre organizzazioni che dimostrano una avvedutezza non certo eccezionale .

Un conto è perdere dopo aver combattuto , un conto è perdere in partenza .

Proporre “ Uno di noi “ in quella sede , in linea con quanto avevo anticipato , è equivalso a tentare di vendere un chilo di carne di maiale ad un vegano totalmente sdentato .

Ed aver appoggiato quella campagna non significa dover rinunciare a combattere e sostenere altre battaglie a difesa della vita nascente .

Attendo la Vostra adesione sul nostro sito www.no194.org .

Pietro Guerini – Presidente nazionale comitato NO194  e omonima associazione

Comments off

Pubblicato su “Il Mattino” del 6-1-2013

Il Mattino 2013.01.06

Comments off